Lorenzo Cogo porta a tavola il nuovo videogame della Ubisoft Far Cry 5

Il giovane chef stellato gioca a Far Cry 5 in cucina: dopo aver visitato il Montana alla scoperta dei luoghi che hanno ispirato il quinto capitolo del videogame di Ubisoft, Lorenzo Cogo ha ideato tre nuovi piatti dedicati alla saga videoludica.

Nella vita bisogna sapersi mettere in gioco e la sfida è stata accettata da Lorenzo Cogo che, grazie all’opportunità offerta da Ubisoft, ha saputo interpretare il mondo dei videogiochi attraverso la sua cucina innovativa.

Un’esperienza unica vissuta in Montana, luogo dove è appunto ambientato Far Cry 5, a stretto contatto con la natura incontaminata, le persone e le loro tradizioni, che hanno permesso allo Chef di ritornare con un bagaglio di emozioni che hanno dato vita a piatti autentici e dedicati al gioco.

 

PACCHERO GRATINATO AL RAGÙ DI CERVO:

Il piatto più semplice che propone una vera e propria contaminazione tra due culture: la pasta, simbolo di italianità, avvolge il ragù di cervo, prodotto tipico della gastronomia del Montana che lo chef ricorda dopo la sua prima esperienza con la caccia.

Essere parte della terra, sentirne i bisogni e rispettarne l'essenza. Un' esperienza viva di come l'istinto primordiale della sopravvivenza sia ancora radicato fortemente nell'uomo. La caccia utilizzata come momento per porre fine e dare inizio a un nuovo equilibrio nell'ecosistema, nel grande rispetto per gli animali.

 

TROTA IRIDEA CON MAIONESE AL GINEPRO E COUS COUS DI CAVOLFIORE

Un piatto più tecnico e contemporaneo che porta la parte più spirituale ed emozionante vissuta dallo chef in Montana: la pesca, tra i profumi di pini e abeti.

Fluire, scorrere, essere nel “qui e ora”. Immergersi nell'acqua per respirare ed imparare l'arte della pazienza e del completo abbandono su di un letto fluttuante. Riconoscere il cambiamento che avviene nel proprio Io solo quando si smette di cercare ma si inizia a comprendere il presente osservando e respirando a pieni polmoni l'energia che la natura gratuitamente dona. Lo chef entra in simbiosi con l'elemento permettendogli di comprendere la sua ciclicità e il suo bioritmo: l'essenza per trasformare emozioni intense in elementi, in gusto e sapore.

 

LA COMUNIONE

Per il piatto dedicato alla trama del gioco lo chef porta l’elemento più crudo e ancestrale, il cuore… una tartare tra due ostie a cui lo chef ha abbinato un Bloody Mary, un richiamo alla setta di fanatici attorno a cui si snoda la storia del videogame.

 

I piatti, diversi per espressione, raccontano un territorio selvaggio, autentico e genuino, che Lorenzo definisce “sincero” e con un’anima vera.

Dall’elemento terra con la caccia, all’elemento acqua con la pesca, di sicuro il contatto con tutte le forme sottili di energia non sono mancate.

Come l’energia del fuoco, che da un lato dona vita e calore ma che dall'altro non risparmia ed elimina. Trasformazioni che permettono di esercitare una grande consapevolezza, essere in grado di vedere le cose come sono realmente.

Lo chef, conosciuto per il suo grande amore per la Brace, appartiene e si dedica al fuoco come suo elemento vitale. “Occorre avere una grande sensibilità per riuscire a trasformare un prodotto con il fuoco, serve un rispetto profondo per l'elemento e il suo potere”. “Chi fa questo lavoro”, precisa lo chef, “si deve necessariamente abbandonare ad esso, ai suoi principi, alla ricerca continua dell'essenza delle cose senza essere vincolato da memorie o giudizi; ripartire ogni volta da una tela bianca con nuovi sapori come pennelli”.

Dal Montana Lorenzo Cogo porta a casa le sensazioni più intime che vengono elaborate da tutti i sensi e ne fanno un'istantanea di completa armonia con il Tutto.

“Essere parte del Tutto” permette così allo chef di percepirne la pace e la tranquillità attraverso il respiro che, cadenzato e ritmato dal cuore, gli dona occhi meravigliati per vedere il mondo e per riuscire a percorrerlo con passi nuovi in simbiosi con realtà diverse.

Tra i suoni e le vibrazioni che hanno caratterizzato questo viaggio lo chef ricorda la potenza del fuoco che vive, la fragilità composta della neve che si compatta al passaggio lasciando le proprie orme, i ramoscelli che spezzandosi durante il cammino e segnano la via di casa e il grande e immenso silenzio che fa da punta di compasso a tutte queste emozioni.

Insomma, dietro ad un videogioco a volte,  si nasconde molto di più…

 

13 aprile 2018

GALLERY

VIDEO GALLERY

LEAVE A COMMENT

comments powered by Disqus

MOUNTAIN Sensory Experience

Un viaggio sensoriale tra i sentori del bosco…

show video

DAIANA LORENZATO video

The Italian Experience Blogger

show video

THE OPERA WEDDING™ video

Italian Wedding on the lake by Daiana Lorenzato

show video

WINE & FOOD

go to section

MEET DAIANA

The Italian Experience Blogger

go to section

THE OPERA WEDDING™

Planning Boutique of Italian Wedding Experience

go to site

In the Spotlight

© 2016 Daiana Lorenzato . All rights reserved . Privacy Policy | Design by Kreativa srl